Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur.

14 settembre 2018

Inizia così uno dei testi più famosi del mondo che, nonostante la sua diffusione e l’immediata riconoscibilità, non vuol dire un bel niente.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisici elit, sed eiusmod tempor incidunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquid ex ea commodi consequat. Quis aute iure reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint obcaecat cupiditat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum.
Il testo sembra latino: in realtà non significa nulla, a causa di molte parole storpiate e inesistenti. Viene usato in tipografia come testo segnaposto sin dal lontano 1500, ma nessuno si è mai domandato ufficialmente da dove provenisse fino agli anni ’60.
Richard McClintock, professore in Virginia, scoprì quasi per caso (stava in effetti inseguendo le origini della parola “consectetur”, che appare anche nel testo) che il testo è in parte presente nel “De finibus bonorum et malorum” di Cicerone (45 a.C.).

Articoli recenti

La chiocciola (@) antica.

Si tende a credere che @ sia un simbolo introdotto solo di recente, per via dell’utilizzo frequente in Rete: negli indirizzi mail, ma anche come indicatore di destinatario di una risposta nei social network o come sostituto di “at” seguito da un luogo specifico.

Leggi tutto

Piccole basi di tipografia

Viaggiando sul tram o guardando la tv, leggendo un libro oppure un navigando in internet, la tipografia è sempre presente. Il linguaggio verbale è rappresentato tramite le lettere, e le lettere “fisiche” vengono composte, impaginate, accostate fra loro, messe in un colore piuttosto che nell’altro.

Leggi tutto
Richiedi un
preventivo
Richiedi un preventivo